Nuovo regolamento Formula 1
Formula 1 Sport

Formula 1: le regole sono pronte, ma slitta l’annuncio

Nuovo regolamento Formula 1 – Il 2021 sarà un anno di svolta nell’economia del campionato di Formula 1. Un nuovo regolamento entrerà in vigore, nella speranza finalmente di accontentare tutte le parti in causa. Sia nelle fila dei team che fra i dirigenti della FIA, c’è chi lamenta una disparità di trattamento. Questioni che ci si era ripromessi di arginare proprio alla stesura del nuovo formulario, avvenuta negli ultimi giorni.

Adesso è tutto nero su bianco. Le norme tecniche, sportive e persino finanziarie saranno rese pubbliche entro ottobre. Scadrà a breve il cosiddetto Patto della Concordia, l’ultimo firmato sotto l’egida di Bernie Ecclestone. L’esito positivo delle trattative è stato annunciato da un comunicato congiunto di FIA e Formula One Group, al termine di una riunione tenutasi a Parigi. Al colloquio hanno partecipato i team principal ed i direttori tecnici delle dieci scuderie iscritte, oltre alla Pirelli (fornitore unico pneumatici) e a Lewis Hamilton, Niko Hulkenberg Alex Wurz.

Nuovo regolamento Formula 1 – Per adesso ancora provvisorio

Il comunicato tocca tematiche interessanti, riferendosi ad incontri futuri per definire le regole nel dettaglio. Liberty, tuttavia, ha chiesto in maniera decisa di sottoscrivere quanto pattuito in Canada ai team. Montreal era stata teatro di accese discussioni, con la decisione provvisoria di allungare di altri 4 mesi la scadenza per la diramazione del regolamento. Quella attuale, dunque, è una vera e propria bozza. Bozza che però dà un’idea precisa della Budget Cup, il cui massimale si attesta a 175 milioni di dollari. Inoltre, molte componenti verranno standardizzate e l’attuale formula ibrida verrà conservata. Il parco verrà chiuso per tutti e tre i giorni di gara, mentre le libere 1 e 2 saranno compresse al venerdì pomeriggio dopo la promozione media.

Novità interessanti, dunque. Saranno sufficienti a riportare il buon umore all’interno del paddock? Questo non ci è ancora dato saperlo e per cui dovremo attendere le prime reazione pubbliche da parte dei team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *