Intervista Leclerc su Vettel
Formula 1 Sport

Ferrari, Leclerc rallentato da un cortocircuito in Bahrain

“A penalizzare la vettura è stato un cortocircuito interno ad una centralina di attuazione dell’iniezione motore. Questo tipo di anomalia non si era mai presentata sulla componente in questione“.

Ecco quanto recita la nota ufficiale diffusa dalla Ferrari in merito al problema Leclerc. Il pilota monegasco, che fino a pochi giri dal termine si trovava in prima posizione nel Gran Premio del Bahrain, ha dovuto cedere lo scettro a Lewis Hamilton a causa di un vistoso problema della propria monoposto. Un harakiri clamoroso del team di Maranello, che ha vanificato una prestazione immensa da parte del giovane pilota transalpino.

Il “problema Leclerc” – Cosa è andato storto

Pole position alle qualifiche e una gara condotta come un vero leader. Leclerc ha dimostrato di essere molto più maturo rispetto alla propria età anagrafica. Eppure, la grandissima prestazione del ragazzo non è bastata. In tantissimi, tra esperti e tifosi, si erano interrogati sulla natura del problema che aveva afflitto la SF90. Un errore che ha colto di sorpresa anche la stessa scuderia; come si può leggere nella nota sopra riportata, la vettura non aveva mai presentato un problema del genere sia nei test che nella prima uscita stagionale in Australia. Ecco il motivo per cui c’è voluta quasi un’intera settimana per individuare il “colpevole”.

I complimenti di Hamilton non sono bastati a lavare la bocca di Leclerc dall’amaro lasciato dal risultato. Il ragazzo, comunque, non si è lasciato scoraggiare dalla situazione ed ha incentivato a pensare ai risvolti positivi della gara del Bahrain. La SF90, già nella prima uscita a Melbourne, aveva presentato dei problemi più o meno misteriosi messi in evidenza dalle dichiarazioni di Sebastian Vettel. Domenica scorsa tutto sembrava essere stato risolto per il meglio, sino al tragico momento in cui i sogni di tutti i Ferraristi sono andati in frantumi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *